venerdì 15 febbraio 2013

Skellig e Ciao

 Oggi vorrei consigliarvi due libri molto diversi, per argomento trattato e per "fascia di età" , ma entrambi pieni di poesia.

"Skellig" di David Almond mi ha colpita già dalla copertina, ma dopo averlo letto ne sono stata completamente conquistata: ha dentro la magia, le paure e i sentimenti dei ragazzini, l'educazione parentale e la scuola "classica", la compassione, l'amicizia, la diversità e l'amore per il sapere.

È un libro bello, bello davvero, che mette in moto riflessioni e istiga stimolanti digressioni, da proporre ai figli ma anche ai genitori.

Cercando l'immagine di copertina sul web, mi sono anche accorta che ne hanno tratto un film e mi sembra che l'attore che interpreta Skellig sia lo stesso che veste i panni del protagonista nel telefilm "Lie to Me": mi pare adatto, lo guarderò (prima o poi), ma prima leggerò
 "La storia di Mina", dello stesso autore, come logica successione.






Il secondo libro-poesia è "Ciao" , di Alfredo Stoppa, delicato racconto illustrato con pochi, semplici ma incisivi tratti da Alessandro Sanna.

Come Alfredo riesca a farci vedere il mondo con gli occhi di un bambino ha un che di incantevole, ed ecco che il piccolo biondino, che all'inizio della storia sveglia entusiasta tutta la casa, diventa nostro figlio e finalmente capiamo quanto sia prezioso un semplice "ciao".



E ora, andiamo a dare un'occhiata al Venerdì del Libro.





4 commenti:

  1. Avevo notato "Skellig" in libreria e aveva colpito anche me per la copertina. Mi ispirava molto. Trovo nel tuo post una conferma. Mi incuriosisce anche il film. Del secondo non so nulla. Andrò a sbirciare per saperne di più. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sbircia, sbircia... Stoppa è da non perdere! :)

      Elimina
  2. affascinante davvero..sia il libro che l'attore che adoro sia per la serie che per altri film in cui lo trovo straordinario!

    RispondiElimina
  3. Che belle queste proposte, sconosciute e intriganti per me!:-)

    RispondiElimina

I vostri commenti sono graditi.